"SHAUN, VITA DA PECORA, IL FILM" - UN VERO CAPOLAVORO!

"Shaun, vita da pecora, il film"



TANTA BELLA ALLEGRIA!

Strepitosa pellicola d'animazione, "Shaun, vita da pecora" è una perla. Uscito nel 2015, è tratto dall'omonima serie tv della BBC, basata sul cortometraggio, premiato con l'Oscar, "Una tosatura perfetta" scritto e diretto dal britannico Nick Park. 

Siamo nell'amena fattoria di Mossy Bottom. Ci sono le papere furbette che, in cambio di favori, pretendono toast (li contano svelte svelte, come fossero bigliettoni), c'è il gallo, preciso come un cucù, c'è il fiscale cane Bitzer, c'è la comitiva di porcelli pelandroni, c’è il fattore, padrone monotono e insensibile, infine ci sono loro, le vispe pecorelle, vere dive, capitanante dal pepato Shaun. Col resto della ciurma, Shaun si alza all'alba, ma i giorni che noia mortale: spazzola i denti, pettina il vello, sfoltisci la chioma, bruca nei prati eccetera eccetera.


"Shaun, vita da pecora, il film"
Stufo del solito tran-tran, Shaun escogita un perfido piano: addormenta il fattore, lo sigilla in una roulotte, butta la chiave e arrivederci. Ma l'intoppo è dietro l'angolo. La roulotte si mette in marcia, lesta lesta, verso la città: Shaun e gli altri ovini filano di corsa a recuperare il padrone. Ne accadranno di cotte e di crude. Le gag? Esilaranti. Merito di una sceneggiatura solida e intelligente. Strepitosa la trovata di un cavallo di Troia messo in piedi in quattro e quattr'otto per seminare il cattivo di turno. La storia è priva di dialoghi, nessuno pronuncia una parola ma tutto scorre liscio, orchestrato a meraviglia. Il film ha ricevuto una nomination agli Oscar. 

©micolgraziano


Commenti