"Mamma per caso" (1997) - Serie tv con Raffaella Carrà

 

Raffaella Carrà e Ray Lovelock nella serie tv "Mamma per caso"

Oggi vi parlo di una deliziosa fiction degli anni Novanta con protagonista la grande Raffaella Carrà. Il titolo è “Mamma per caso”, tra gli sceneggiatori c'è la scrittrice Lidia Ravera, dietro la macchia da presa Sergio Martino, il regista de “L’allenatore nel pallone”, film cult per tutti gli appassionati di calcio. "Mamma per caso" ricorda vagamente commedie americane come ” Tre scapoli e un bebè” (rifacimento a sua volta della pellicola francese “Tre uomini e una culla) e “Tre scapoli e una bimba”. La storia eccola qui: Nicoletta (Raffaella Carrà) è una donna in carriera, una giornalista di successo che conduce una trasmissione tv da record. Non è sposata, vive da sola in un bell'appartamento a via Giulia, nel cuore di Roma, il suo migliore amico è il dirimpettaio, e ha tre nipotini (due adolescenti pepatissimi e un neonato) figli della sorella. Un bel giorno, fulmine a ciel sereno, i tre le piombano in casa (con tanto di valigia) perché la mamma deve partire. Così ai piccoli dovrà pensarci zia Nicoletta che però ha già tanto da fare ché nel suo show si occupa di casi di cronaca complicati. Il rapporto tra la zia e i nipotini è il pezzo forte del racconto; loro le danno parecchio filo da torcere: di qua, di là, prepara questo, prepara quello, corri a destra, corri a manca, svegliati all'alba, portali a scuola, chiedi al vicino di far da babysitter. Insomma, ne succedono delle belle: la nipote adolescente vuol diventare modella e passa le notti in discoteca, il giovanotto mangia senza freni. Ma a ingarbugliare ancor di più il quadro ci pensano una perfida collega, un fidanzato assillante e un inguaribile casanova. Il cast è notevole: Jean Sorel, Ray Lovelock, Maurizio Crozza e sua moglie Carla Signoris.  "Mamma per caso" è al momento disponibile su RaiPlay e lo consiglio. Lo stile è totalmente anni Novanta e per questo mi piace davvero tanto. Che nostalgia

©micolgraziano

Commenti