MARILYN MONROE, IN ARRIVO UN BIOPIC!

IL TITOLO DEL FILM È "BLONDE",  TRATTO DAL ROMANZO DI JOYCE CAROL OATES





Era il 5 agosto 1962. Marilyn aveva 36 anni, appena compiuti, festeggiati sul set del suo ultimo film:"Something's got to give", diretto da George Cukor, e mai completato. Fu trovata senza vita, in camera da letto, una mano verso il telefono, a chiedere aiuto, era a casa, a Brentwood, sobborgo di Los Angeles, nella villa acquistata da poco e neanche il tempo di arredarla. Quella notte d'estate è ancora avvolta nel mistero, qualcuno parla di sicari, complotti, cimici e telefoni sotto controllo; la bibliografia fitta, le ipotesi svariate. La versione ufficiale dice: probabile suicidio dovuto a un'overdose di barbiturici. Nell’ultima intervista rilasciata pochi giorni prima di morire, al giornalista Richard Meryman, Marilyn si sfogava: "Il successo è un peso. E l'industria cinematografica è come una madre il cui figlio viene investito da un'auto, e lei, anziché abbracciarlo, lo picchia perché si è fatto investire. Pensano di essere più potenti se ti calpestano e ti trattano male. Io l'ho sperimentato. Ma non c'è solo quello. Il successo se ne andrà, e addio successo! Però potrò dire d'averlo conosciuto".



"Mi piaceva tanto ridere forte, andare in bicicletta e ridere al vento", raccontava di sé. E indimenticabile è la sua risata. Voleva essere una grande attrice drammatica e studiò anche dopo i grandi fasti di Hollywood: si trasferì a New York, alla scuola di Lee Strasberg. Forse questo è stato il più grande rimpianto, all’epoca, non si sentiva apprezzata dall’industria cinematografica. Nel suo ultimo film, Marilyn nuota in una grande piscina e ride: magnetica e vulnerabile, come solo lei sapeva essere. Prossimamente su di lei uscirà un biopic, distribuito da Netflix, e diretto da Andrew Dominik: la pellicola si basa sul romanzo omonimo della scrittrice Joyce Carol Oates. Nei panni di Marilyn ci sarà Ana de Armas.

©micolgraziano

(Nelle foto Marilyn nel suo ultimo film "Something's got to give")



ISCRIVITI AL BLOG!

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner


Commenti