Will Smith: "Bad Boys for Life"

ADRENALINA PURA

IL GRANDE ATTESISSIMO RITORNO DEI "BAD BOYS"

Allacciate le cinture e tenetevi forte!


"Bad Boys for Life"



Ritmo (tanto) ritmo: scene rapide e nervose; una trama elettrica che avvolge il filo tra Stati Uniti - in quel di Miami of course - e Messico, Città del Messico. Amici fraterni da venticinque anni, i due detective Mike Lowrey (Will Smith) e Marcus Burnett (Martin Lawrence), in questo nuovo episodio numero tre, dovranno annientare un feroce misterioso killer che, in sella a una moto, spara senza pietà. Esplosioni, bolidi ruggenti, raffiche di colpi, agguati improvvisi, perfide conturbanti streghe: "Bad Boys for Life" è intrattenimento brillante, (dramma crudo ben bilanciato con momenti leggeri tipici del buddy movie), diretto con sapienza e un certo piglio mediterraneo (tangibile in alcuni primi piani) da Adil El Arbi e Bilall Fallah che nel 2015 si erano fatti notare con l'acclamato crime movie "Black". 

Ma qual è il segreto del successo del franchise di "Bad Boys"? Come spiega anche Will Smith, è l'amicizia, il legame fortissimo fra i due protagonisti, qualcosa di unico che fa battere il cuore allo spettatore. Infatti, chi non desidera un amico fraterno?


"Bad Boys for Life"
Cast di prim'ordine, "Bad Boys for Life" ha un fascino particolare - imperdibile -, non importa se di action movie non ne masticate granché, perché se un film ti fa dimenticare che stai seduto in poltrona in una stanza, allora vale la pena andarlo a vedere: "Bad Boys for Life" ci riesce, eccome. 

In preparazione già un ulteriore sequel, in "Bad Boys 4" ritroveremo la coppia Smith/Lawrence, mentre il regista, secondo voci, dovrebbe essere Michael Bay, che aveva già diretto i primi due capitoli del franchise; primi due capitoli usciti rispettivamente nel 1995 e nel 2003. 

"Bad Boys" mancava sul grande schermo da ben diciassette anni, Will Smith, anche produttore di questo terzo episodio, ha spiegato che voleva un sequel speciale e diverso dagli altri. 

"Quando davanti alla telecamera hai Martin Lawrence e Will Smith - ha detto l'altro produttore Jerry Bruckheimer - succede sempre qualcosa di magico". 



©micolgraziano



Commenti