"IL RICHIAMO DELLA FORESTA", DAL LIBRO AL FILM! 📖



Harrison Ford nel film "Il richiamo della foresta" (2020)



LA CORAGGIOSA AVVENTURA DEL MITICO CANE BUCK

Esperienza totalizzante questo nuovo film dall'opera di Jack London 


Perseveranza è la virtù di cui ci parla questo grande classico, "Il richiamo della foresta" di Jack London; a distanza di 118 anni, il libro sprigiona ancora una magnifica energia e fa battere il cuore a lettori di ogni età: potenza della letteratura.

Questa nuova versione cinematografica live- action diretta da Chris Sanders ("Dragon Trainer") incanta, appassiona e diverte; il grande schermo ingigantisce le emozioni: e noi, come Buck, sperimentiamo la gioia di correre tra la natura incontaminata, vivere appieno, superare le difficoltà, appropriarci della parte più vera di noi.

Siamo nell'Ottocento, sono gli anni della corsa all'oro nel Klondike. L'eroe della storia è Buck, cane grande e buono, che dopo una vita di agi e benessere in California - dove vive con un ricco giudice -, viene rapito e venduto come cane da slitta e conosce la fatica e la sofferenza per mano dell'uomo: Buck, costretto ad ubbidire a furfanti senza scrupoli, fino a quando non trova nell'anziano John Thornton un amico e un fedele compagno di viaggio; a quel punto entrambi si avvieranno al proprio destino.

Jack London



Harrison Ford ha amato fin da subito questo ruolo, perché John instaura con Buck un legame profondo e particolare, come quello tra padre e figlio, un'amicizia vera, autentica, che commuove fino alle lacrime. E infatti nei panni del solitario John, Ford non si risparmia, dà tutto se stesso e ci consegna un ritratto intenso e memorabile.

Nel cast anche Omar Sy ("Quasi amici"), Karen Gillan e Dan Stevens. La fotografia è del due volte premio Oscar Janusz Kaminski. ("Schindler's List" e "Salvate il soldato Ryan").

Il cane Buck è stato realizzato al computer e durante le riprese la sua parte è stata recitata da Terry Notary ("The Square"), attore, coreografo, acrobata, una lunga esperienza al Cirque du Soleil, noto per le sue performance in motion capture.

"Il richiamo della foresta" è un film straordinario. Come lo è Buck, eroe senza tempo, che non si arrende mai.

©micolgraziano

Commenti