"Il richiamo della foresta", dal libro di Jack London



"Il richiamo della foresta"



LA CORAGGIOSA AVVENTURA DEL MITICO CANE BUCK

Esperienza totalizzante questo nuovo film dall'opera di Jack London 


Perseveranza è la virtù di cui ci parla questo grande classico: "Il richiamo della foresta" di Jack London sprigiona ancora una magnifica energia e fa battere il cuore a lettori di ogni età. Potenza della letteratura.

Questa nuova versione cinematografica live- action diretta da Chris Sanders ("Dragon Trainer") incanta, appassiona e diverte; e noi, come Buck, sperimentiamo la gioia di correre tra la natura incontaminata.

Siamo nell'Ottocento, sono gli anni della corsa all'oro nel Klondike. L'eroe della storia è Buck, cane grande e buono, che dopo una vita di agi e benessere in California - dove vive con un ricco giudice -, viene rapito e venduto come cane da slitta e conosce la fatica e la sofferenza per mano dell'uomo: Buck, costretto ad ubbidire a furfanti senza scrupoli, fino a quando non trova nell'anziano John Thornton un amico e un fedele compagno di viaggio; a quel punto entrambi si avvieranno al proprio destino.

Jack London



Harrison Ford ha amato fin da subito questo ruolo, perché John instaura con Buck un legame profondo e particolare, come quello tra padre e figlio, un'amicizia vera, autentica, che commuove fino alle lacrime. E infatti nei panni del solitario John, Ford non si risparmia, dà tutto se stesso e ci consegna un ritratto intenso e memorabile.

Nel cast anche Omar Sy ("Quasi amici"), Karen Gillan e Dan Stevens. La fotografia è del due volte premio Oscar Janusz Kaminski. ("Schindler's List" e "Salvate il soldato Ryan").

Il cane Buck è stato realizzato al computer e durante le riprese la sua parte è stata recitata da Terry Notary ("The Square"), attore, coreografo, acrobata, una lunga esperienza al Cirque du Soleil, noto per le sue performance in motion capture.

"Il richiamo della foresta" è un film straordinario. Come lo è Buck, eroe senza tempo, che non si arrende mai.

©micolgraziano

Commenti