"Il papà migliore del mondo" con Robin Williams


Robin Williams nel film "Il papà migliore del mondo"



Black comedy del 2009, scritta e diretta da Bobcat Goldthwait che Robin Williams conosceva molto bene e con cui aveva già girato "Shakes the Clown".

Robin Williams è Lance Clayton, un professore di letteratura che vuole diventare uno scrittore famoso ma riceve solo porte in faccia. Clayton tiene anche un corso di poesia, a scuola. Con scarso successo: agli studenti non piace la poesia, non sanno neppure chi sia Emily Dickinson. Che band è?, chiede un alunno. La vita di Clayton, insomma, non è gratificante. Delusioni gli arrivano dal figlio Kyle, scontroso e annoiato, che fa pericolosi giochi auto-erotici seduto al pc. Durante un esperimento di erotismo estremo, Kyle perde la vita. Clayton, distrutto dal dolore, e con una voglia bollente di riscatto, inscena il suicidio del figlio e scrive un finto messaggio d'addio. Poche righe di dolore e rabbia firmate Kyle, frasi che arrivano al cuore, scatenando sensi di colpa tra gli studenti e gli insegnanti dell'istituto frequentato dal ragazzo. In breve, Kyle è venerato come un santo. E Clayton si spinge oltre: scrive di suo pugno un quaderno, spacciandolo come il diario segreto di Kyle. La popolarità post mortem del figlio di Clayton vola alle stelle. Ma cresce pure la fama di Clayton, visto come il padre d'un martire e genio incompreso. A quel punto arrivano, finalmente, a Clayton proposte editoriali. Con un epilogo a sorpresa. Tutta la trama di questa commedia nera è, se vogliamo, anche una critica a un certo mondo del libro, interessato solo a celebrità o a storie da pompare per guadagnarci su. Il film regala dei momenti di sano divertimento. Robin Williams è incantevole. Per gli appassionati di cinema ci sono interessanti ciliegine declinate in citazioni sparse di pellicole celebri, tra cui: "La notte dei morti viventi" (Clayton ama gli horror), "Frankenstein Junior", "Cabaret",  "La signora del venerdì", "The Birdcage", interpretato proprio da Robin Williams.

©micolgraziano

Commenti