"Saremo giovani e bellissimi" di Lamartire - Madre e figlio pericolosamente uniti...

 

Barbora Bobuľová e Alessandro Piavani in "Saremo giovani e bellissimi"

Ferrara. Isabella e Bruno suonano insieme. Lei canta. È una ex popstar. Ha avuto successo, un tempo. Le classiche meteore che vendono un sacco con un pezzo che spacca e poi piombano nell’oblio. Isabella ha ormai superato i quaranta e si sente una fallita. La colpa del declino? Essere rimasta incinta, nel pieno degli anni, ripete Isabella a chi le domanda del passato. Isabella è una donna attraente, frivola, un po’ folle. Con un carattere difficile. Si comporta come una ragazzina incosciente e si concede a giovanotti ventenni adescati al pub. Ventenni come il suo chitarrista Bruno. Tutti pensano che i due siano fidanzati. E invece il timido Bruno è il figlio di Isabella. Bruno ha un rapporto particolarissimo (imbarazzante, per chi guarda da fuori) con la madre (abbracci, baci, effusioni). Sono un cuore e un'anima anche perché Bruno non ha mai conosciuto suo padre. Il legame tra Bruno e Isabella è simbiotico, morboso. Conflittuale. Litigano come due innamorati. Sono gelosi l’uno dell’altra. Bruno non sopporta gli amanti della madre. Lei nutre antipatia per le donne del figlio. Bruno e Isabella, insomma, si amano e si detestano. Non riescono a separarsi. Vivono nella loro bolla, in un appartamento bohémien dove si suona, si compone musica e c’è un viavai di uomini che fanno infuriare Bruno. Lui vorrebbe una madre-madre, più matura, più responsabile. Sì, perché spesso è Bruno a dover prendersi le responsabilità, è lui che paga le bollette. Gli incontri e gli scontri tra i due sono il punto forte di “Saremo giovani e bellissimi”, interessante esordio di Letizia Lamartire che ci propone una storia non convenzionale, anche se nel finale tutto si fa più zuccheroso e rassicurante. Siamo lontani dunque da racconti disturbanti come, ad esempio, “Sister”, in cui la famiglia ne esce a pezzi. Ad ogni modo, malgrado la conclusione pop, “Saremo giovani e bellissimi” merita di essere visto. Ottimo il cast e fantastica Barbora Bobuľová. Tra gli attori c'è grande alchimia. Bruno e Isabella accompagnano lo spettatore a lungo, anche dopo i titoli di coda. Lo trovate su RaiPlay.

©micolgraziano
 

Commenti