"Una notte da dottore" di Guido Chiesa - Coppia esilarante!

Diego Abatantuono e Frank Matano nella locandina di "Una notte da dottore"

È notte a Roma, e il ruvido dottor Mai sfreccia sull’asfalto bagnato a bordo del suo bolide. Nel sedile posteriore micro elettrodomestici che lui prende dai pazienti, quando questi si rifiutano di pagarlo. Mai è un medico che visita i malati nelle ore piccole. Uomo aspro e riservato, Mai è un tipo cinico e disincantato. Quando è in servizio ama fare lunghe soste nelle trattorie, in quei locali che tengono aperto dopo il teatro, e lì si ferma a mangiare a quattro ganasce i piatti tipici della cucina romanesca: spazzola enormi porzioni di fagioli con le cotiche e coda alla vaccinara e chi più ne ha più ne metta. Ebbene, un giorno, in uno dei tanti suoi giri, Mai s’imbatte in un giovanotto ingenuo di nome Mario. Mario fa le consegne a domicilio pedalando in bicicletta e pur sudando sette camicie rastrella magri guadagni. Per una serie di eventi, Mai (afflitto da un forte mal di schiena) chiede al ragazzo (che nulla sa di medicina!) di visitare i pazienti al posto suo. Il piano è così architettato: i due viaggiano in auto insieme, giunti a destinazione, Mario sale a visitare i malati e segue le istruzioni che gli arrivano tramite auricolare dal suo "mentore" Mai che se ne sta comodamente in macchina a divorare panini e polpette. La situazione è assurda e strappa parecchie risate. Anche perché la coppia Abatantuono-Matano è ben assortita e irresistibile. La freddezza del personaggio di Mai fa da contraltare al candore di Mario che pare uscito dal paese delle meraviglie. La storia scorre via piacevolmente, sorretta da tante gag riuscite. Affascinante l’ambientazione scura, by night, ben rappresentata dal regista Chiesa che realizza un film notturno, metropolitano e accattivante. Anche nella scelta delle musiche jazz che scandiscono le traversate dei due. Musiche in stile "Round Midnight". La commedia s’intreccia infine col dramma familiare e c'è anche spazio per una riflessione sui sentimenti. “Una notte da dottore” è il remake della commedia francese “Chiamate un dottore!”.

©micolgraziano

Commenti