"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday", il film sulla vita della leggendaria cantante


Gli Stati Uniti contro Billie Holiday


"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday” racconta la vita di Billie Holiday (1915 - 1959). Fra le più grandi cantanti di sempre. La voce unica e inconfondibile. Permeata di malinconia. Billie Holiday, nome d’arte. Scelse di chiamarsi Billie come tributo all’attrice Billie DoveBillie Holiday morì a soli 44 anni. Il corpo distrutto dall’alcol e dalla droga. Un'esistenza tormentata e difficile.

Gli Stati Uniti contro Billie Holiday
Il film è un ritratto sensibile di Billie Holiday, artista e donna. D'altra parte Lee Daniels è un regista che sa arrivare al cuore dello spettatore. Suo è lo sconvolgente "Precious", che racconta di una ragazza ai margini. Billie Holiday, dicevamo: da bambina venne stuprata. Lavorò come prostituta. Fu dipendente dalla droga, soprattutto eroina (alcune scene sono molto esplicite e mostrano aghi e sangue). Il film - elegante nella fotografia e nella messinscena, e al contempo viscerale - ripercorre le tappe della carriera della leggendaria artista, inserendo flashback onirici: in una sequenza, improvvisa e spiazzante, la vediamo, ragazzina, in una "casa di piacere". 

La carriera di Billie Holiday subì alti e bassi. A causa di una canzone del suo repertorio. I governi di allora non approvavano il brano, considerato di protesta, troppo politico e all'epoca definito pericoloso. Il titolo del pezzo è "Strange Fruit" e descrive i linciaggi che avvenivano negli Stati Uniti contro gli afroamericani. Billie Holiday finì in prigione, per via di "Strange Fruit". Ma ufficialmente venne condannata perché tossicodipendente.  

"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday"
Ad interpretare Billie Holiday è una carismatica Andra Day, attrice e cantante, premiata con un Golden Globe per questo ruolo. Brilla sullo schermo, energica, fasciata in abiti Prada. Ovviamente la gardenia fra i capelli, in perfetto stile Billie. Andra Day, molto brava, ha ricevuto inoltre una candidatura agli Oscar 2021. Co-protagonsita è l'ottimo Trevante Rhodes ("Moonlight", "Bird Box"). Il film è un intreccio di realismo e sensualità. La sensualità si fa largo nelle scene di intimità tra Billie e i suoi amanti.

"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday" è un film dolce e amaro che mostra senza filtri il duplice destino di questa donna sorridente e osannata sul palcoscenico e abitata dalla tragedia, dietro le quinte.

©micolgraziano

"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday", al cinema dal 5 maggio 2022

ISCRIVITI AL BLOG

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Commenti