Non perderti questa commedia brasiliana!

 


"È arrivata mia figlia!" (2015) ha ricevuto il plauso della critica internazionale (dal Sundance al Festival di Berlino). Scritto e diretto da Anna Muylaert, regista affermata in Brasile, il film è interpretato da Regina Casé e Camila Márdila.


UN FILM SINCERO
La Muylaert ha lavorato a lungo alla sceneggiatura. Troverete un certo realismo, lontano dall'immagine standard del cinema patinato. (Guardate anche "Dio è donna e si chiama Petrunya"). 

Siamo a San Paolo, nel distretto di Morumbi, in una magnifica villa con piscina. È qui che Val (Regina Casé), una donna di mezza età, lavora da tempo come tata e domestica presso una famiglia. Val non ha una casa e dorme in una stanzetta angusta della grande villa. È premurosa e rispetta i signori che la pagano. È anche molto affezionata a Fabinho, il figlio della coppia. Tra lei e Fabinho c'è un rapporto speciale, lui la considera una seconda mamma. Val si dimostra più affettuosa della madre di Fabinho, donna insopportabile e arrogante. Anche Val ha una figlia, che però vive lontano ed è cresciuta con altre persone. 

L'OSPITE CHE SCATENA LA TEMPESTA
La figlia di Val, Jessica (Camila Márdila), dopo anni, si rifà viva e raggiunge la madre a San Paolo per iscriversi all'università. L'arrivo di Jessica, nella villa, sarà causa di tensione tra Val e i signori, perché la ragazza, dal carattere forte e sicura di sé, non accetta di essere trattata come la figlia della domestica. Allo stesso tempo, rimprovera la madre di essere troppo umile e accomodante: Val si lascia calpestare perché crede sia giusto così e inoltre teme di restare in mezzo alla strada...

UNA STORIA CHE FA RIFLETTERE
Il film parla di equilibri familiari. Descrive bene le dinamiche generazionali (i giovani chiedono cambiamento) e le tensioni tra ricchi e poveri. Scena simbolo di questo nervosismo è quella di Jessica che si tuffa nella piscina della villa, scatenando l'ira della signora. Jessica infrange le regole della casa, generando imbarazzo in Val e mettendo a rischio il suo posto di lavoro. Fino a quando...(scoprilo guardando il film!). 

PS. Guardate anche: "The Help" e "Parasite". 

©micolgraziano 

Commenti