Il cinema di Thomas Vinterberg: "La comune"

 

Trine Dyrholm e Ulrich Thomsen in una scena de "La comune"


Oggi, cari lettori, voglio consigliarvi questo bel film dell'acclamato regista danese Thomas Vinterberg. Il titolo è "La comune" (2016) e al momento lo trovate anche su Prime Video

Di cosa parla "La comune"? La storia è accattivante: siamo negli anni '70. Una coppia di intellettuali cinquantenni (lei giornalista, lui professore universitario) decide di aprire la propria grande e lussuosa casa a un gruppo di persone; in sostanza: di vivere in una comune. Una scelta dettata sì da spirito d'avventura (in una scena il gruppo si tuffa allegramente in acqua; e tutti nudi) ma anche una decisione presa per motivi pratici: dividere le spese e risparmiare. L'idillio dell'insieme appassionatamente però dura poco, a un certo punto si creano dinamiche complesse e la tensione sale alle stelle. 

Come potete intuire la trama offre interessanti spunti di riflessione: fino a che punto siamo tolleranti? Quanto siamo disposti ad annullarci per far felici gli altri? Accetteremmo un tradimento? Mi viene in mente, a questo proposito, un episodio de Il grande freddo, quando il personaggio di Glenn Close accetta di "dividere" suo marito con un'amica, perché questa amica desidera un figlio, ma non ha un uomo...

Dunque, "La comune" è un film che merita, sia per la sceneggiatura sia per lo splendido cast. Su tutte spicca Trine Dyrholm che, per questa interpretazione, è stata premiata al Festival di Berlino con l'Orso d'argento. E, credetemi, vi lascerà a bocca aperta; anche grazie ad alcuni primi piani travolgenti. Attrice straordinaria, la Dyrholm, che ha dato un'altra grande prova in "Nico, 1988" di Susanna Nicchiarelli, una pellicola sulla vita della cantante e musicista Nico, dello storico gruppo rock Velvet Underground

Perfetto, ne "La comune", anche Ulrich Thomsen nella parte di un marito glaciale e distaccato che fa trasferire in casa la nuova (giovanissima) compagna; una casa dove vive anche la moglie, che li vede, felici, scambiarsi effusioni...

©micolgraziano

Commenti