"Delitto sotto il sole" di Guy Hamilton (1982) - Per i fan di Agatha Christie!

 

Peter Ustinov e Jane Birkin in "Delitto sotto il sole"




PETER USTINOV, GRANDIOSO POIROT



"Rest assured, with Hercule Poirot, 
mysteries never last for long"


Quando andavo a scuola, divoravo i gialli di Agatha Christie, li collezionavo e ordinavo nelle vecchie librerie i titoli che mi mancavano. Ovviamente non mi sono mai fatta scappare i film tratti dai suoi romanzi, vi ho già parlato di “Assassinio allo specchio” e di “Assassinio sull’Orient Express”, oggi è la volta del bel “Delitto sotto il sole”, tratto da “Corpi al sole” (prima edizione 1941). La pellicola è invece del 1982, diretta da Guy Hamilton regista dei memorabili: "Agente 007 - Una cascata di diamanti"  e "Agente 007 - Missione Goldfinger". "Delitto sotto il sole" unisce una sobria atmosfera di mistero a toni da commedia (molto teatrali) e si lascia gustare a meraviglia, grazie a una bella sceneggiatura e un cast con i fiocchi. Spicca un meraviglioso Peter Ustinov nei panni del mitico investigatore belga Hercule Poirot. Oltre a Ustinov, da segnalare una frizzante Maggie Smith (attrice sempre impeccabile). E ancora: Jane Birkin e un’affascinante Diana Rigg nei panni di una diva vanagloriosa di nome Arlena. I personaggi s’incontrano su un'isoletta amena dal mare cristallino nel lussuoso hotel dell'irresistibile Daphne (Maggie Smith). La trama è intricata: tutti gli ospiti dell'albergo hanno un qualche legame con Arlena il cui cadavere verrà trovato in spiaggia. La soluzione non è affatto semplice perché in teoria tutti i villeggianti potrebbero essere colpevoli, come spesso accade nelle storie della scrittrice inglese. Faccenda ingarbugliata, quindi, che soltanto la mente geniale dell’eccezionale Poirot potrà risolvere. L'infallibile investigatore ci spiegherà tutto nel finale, risolvendo un giallo per nulla scontato. Insomma, un film godibilissimo, impreziosito da dialoghi interessanti e dalle esaltanti musiche di Cole Porter.

©micolgraziano

Commenti