Dustin Hoffman regista: "Quartet"! Da vedere! 🎼

 

Tom Courtenay e Maggie Smith in "Quartet"

Vi piace l'opera lirica? Amate Giuseppe Verdi, La traviata e Rigoletto? Cercate storie fuori dal comune? Allora, guardatevi subito questo delizioso, tenero, film inglese che segna il debutto alla regia del premio Oscar Dustin Hoffman. 

Uscito nel 2012, e tratto da un testo teatrale di Ronald Harwood (Oscar nel 2003 per "Il pianista"), "Quartet" è interpretato da una favolosa rosa di attori britannici: Maggie Smith (due volte premio Oscar), Tom Courtenay, Pauline Collins, Billy Connolly, Michael Gambon. È un film che parla di terza età ma soprattutto è un omaggio alla vita e alla musica. I ruoli secondari sono interpretati da veri musicisti in pensione. Il National Board of Review ha inserito la pellicola tra le migliori del 2012.

Raffinatissimo, pieno di humor, in perfetto stile inglese. Con un'elegante scenografia, una sontuosa, antica, residenza in campagna sede della casa di riposo che ospita queste vecchie glorie del palcoscenico: cantanti lirici e musicisti. Ognuno con la sua storia e, malgrado gli acciacchi, con tanta voglia di tornare alla ribalta in occasione d'una serata di gala per raccogliere fondi per la struttura. Uno spettacolo al quale tutti i residenti lavorano con impegno e il timore di non raggiungere i fasti d'un tempo. Lo show è costruito su una scaletta variegata che comprende, inoltre, il celebre brindisi de La traviata e il meraviglioso quartetto del Rigoletto, "Bella figlia dell'amore". 

Strepitosa Maggie Smith con il suo spigoloso personaggio: una diva che nella casa di riposo incontra il suo ex marito (con cui è ai ferri corti) e due amici: una commovente Pauline Collins nei panni di una donna affabile e gioiosa che soffre di una grave malattia. Perfetto inoltre Billy Connolly che interpreta un vecchietto tutto pepe. 

PS: Guardatevi anche: "Lo stagista inaspettato", "The Book Club", "Ricomincio da noi". Se invece siete curiosi di vedere altri film diretti da grandi attori, vi consiglio "Gente comune" di Robert Redford

©micolgraziano



Commenti