"Speed", il thriller che piace a Tarantino! 🚍


Sandra Bullock e Keanu Reeves in "Speed"


"SPEED", CORSA CONTRO IL TEMPO!

Fra i thriller d'azione più amati degli anni Novanta. Incassò oltre 350 milioni di dollari e si aggiudicò due Oscar. Super cast: Keanu Reeves, Dennis Hopper, Sandra Bullock, Jeff Daniels. Insomma,"Speed" non può mancare nella vostra cineteca, anche perché è un film che piace a Quentin Tarantino

Dai titoli ne abbiamo già un assaggio: non ci sarà un attimo di tregua. E poi quella prima scena col balordo di turno in azione. Nei panni del cattivo c'è il leggendario Dennis Hopper, il personaggio che interpreta è il malefico Howard Payne, spietato e crudele. La caccia all'uomo ha inizio. I detective in prima linea, armi alla mano. Una corsa contro il tempo per salvare un gruppo di persone ignare rinchiuse in un ascensore che sta per saltare in aria. La polizia ha la meglio ma il dinamitardo Payne se l’è data a gambe e vuole vendetta: ricomparirà non molto tempo dopo, più malvagio di prima, a minacciare il detective Jack Traven (Keanu Reeves): l'abominevole Payne, che è un ex artificiere, ha piazzato una bomba su un autobus pronto ad esplodere raggiunta una certa velocità. Payne chiede pure una contropartita: un bottino milionario.

Dennis Hopper in "Speed"
È del 1994, "Speed", thriller applaudito da critica e pubblico, uno dei grandi successi di quell'anno e una pellicola fortunata per Sandra Bullock che da lì portò la sua carriera sempre più su, grazie a questo ruolo di fanciulla cuor di leone: il suo nome è Annie, sbarazzina, mastica chewing gum, non ha la patente, eppure in una giornata che doveva essere normale e invece diventa un incubo, alla guida di un bus, salverà la pelle di tante persone. Ad affiancarla l'invincibile (e romantico, sì non manca la love story) poliziotto Jack Traven. Annie/Bullock fece innamorare gli spettatori di tutto il mondo. Ma anche Reeves non scherzava: era già un sex symbol.

Sandra Bullock negli anni Novanta diventò la regina del box office, con una serie di pellicole fortunate come appunto "Speed". Si guadagnò il soprannome di America's sweetheart, con quel viso acqua e sapone, la cordialità e la bellezza semplice della ragazza della porta accanto.

In una recente intervista al The Ellen DeGeneres Show Keanu Reeves ha confessato di essersi preso una cotta per la Bullock durante le riprese di “Speed”. Nella stessa trasmissione, Sandra Bullock fece un'identica ammissione: ebbene sì, anche lei si era invaghita del bel Keanu. Eppure l’amore sbocciò soltanto nella finzione cinematografica, ovvero: tra Annie e Jack, lui poliziotto, lei autista improvvisata, che si trovano su un bus a lottare per la sopravvivenza.

PS. Di "Speed" viene realizzato anche un seguito nel 1997. Nel sequel c'è Sandra Bullock ma non Keanu Reeves.

©micolgraziano

Commenti