"Sono fotogenico" di Dino Risi - Le avventure di Antonio, aspirante attore...

 

Vittorio Gassman, Edwige Fenech e Renato Pozzetto in una scena del film "Sono fotogenico" di Dino Risi


Antonio è un ragazzone impacciato e un po’ ingenuo. Vive con mamma, papà e nonno a Laveno, nel Varesotto. Alla soglia dei trent’anni, Antonio non ha un’occupazione, la madre lo vorrebbe vedere sposato e sistemato grazie al classico posto fisso. Lui invece sogna di diventare un divo del cinema e di vincere un Oscar, come i suoi miti. La stanza di Antonio è tappezzata di foto; tutte star di Hollywood: Robert De Niro, John Wayne, Marilyn. Snocciola intere battute a memoria, segue la stessa dieta di Paul Newman, e va sempre al cinema. Tutti sanno di questa passione e lo prendono in giro di brutto (gli fanno scherzi feroci), sia gli amici che i familiari. Il padre vorrebbe che si trovasse un lavoro da impiegato e lo spinge a entrare in banca. Ma Antonio non ne vuole sapere di una vita grigia, lontana dai riflettori, e così fa la valigia e parte per Roma, a cercar fortuna in quel di Cinecittà. Ovviamente, la realtà è ben diversa dall’immaginazione. Antonio ad accoglierlo trova una città incattivita e inospitale. Incontra soltanto imbroglioni. Viene reclutato come comparsa e finisce nelle mani di un agente truffaldino che gli spillerà un mucchio di quattrini. Antonio, nel suo percorso di aspirante attore, riceverà un sacco di promesse da pezzi grossi improbabili che, stringi stringi, gli tireranno soltanto bidoni. Qualcuno gli assicura 'ti faccio incontrare Billy Wilder', qualcun altro 'ti porto in America'. Alla fine lui in America ci andrà ma di tasca propria, per poi essere umiliato e rispedito in Italia col primo aereo. Insomma, giorno dopo giorno, i sogni di gloria del povero Antonio si sgretolano miseramente. La donna di cui s’innamora (senza essere ricambiato) è una tale Cinzia, una bomba sexy conosciuta nel giro delle comparse. È una ragazza molto spregiudicata e riuscirà a far carriera, saltando da un letto a un altro (diventerà pure amante dell'agente di Antonio) con buona pace di Antonio che fantasticava di eguagliare Marlon Brando; e magari di fidanzarsi con Cinzia. Dino Risi firma una commedia amara, dall'umorismo feroce. Questo personaggio di Antonio ricorda, per certi versi, l'Adriana di "Io la conoscevo bene". Anche se Antonio sarà più fortunato di Adriana. “Sono fotogenico” lo trovate su RaiPlay. PS. Ci sono camei di Monicelli, Gassman, Tognazzi, Barbara Bouchet.

©micolgraziano

Commenti