"Sciarada" (1963) di Stanley Donen

 

Audrey Hepburn e Walter Matthau in "Sciarada"


Stanley Donen (“Cantando sotto la pioggia”, “Sette spose per sette fratelli”, "L’erba del vicino è sempre più verde”) dirige questo raffinatissimo thriller rosa interpretato da Cary Grant, Audrey Hepburn, Walter Matthau. Un gioiello che ancora oggi brilla e sorprende.

Due pilastri: Cary Grant e Audrey Hepburn. I due divi lavorarono insieme solo in “Sciarada”. Nel film sono in grande sintonia. E infatti Cary Grant una volta disse che come regalo di Natale avrebbe voluto girare ancora con Audrey Hepburn. Ma non accadde. “Sciarada” è una pellicola elegante (storia di spionaggio e commedia sofisticata) sul solco di due maestri: Alfred Hitchcock (“Intrigo internazionale”) e Blake Edwards (“Colazione da Tiffany”). Conta su una sceneggiatura brillante, una splendida fotografia firmata dal premio Oscar Charles Lang (era il nonno dell'attrice Katherine Kelly Lang ovvero: Brooke Logan di "Beautiful"), una Hepburn al top in abiti Givenchy, una colonna sonora del premio Oscar Henry Mancini. Un regista, Donen, che ha classe, grazia e spirito. La lista delle scene memorabili di "Sciarada" è lunga. Ne cito soltanto alcune. La prima si svolge in un nightclub. I presenti sono impegnati in un gioco particolare e spassoso: una persona che ha un’arancia sotto il mento deve metterla sotto il mento di un’altra persona senza però toccare il frutto con le mani. È un momento esilarante, di grande cinema. La seconda: un malvivente (interpretato da James Coburn ) minaccia Reggie Lampert (Audrey Hepburn) che reagisce con un'espressione incredula e spaventata, semplicemente unica. L'azione si svolge in uno spazio angusto: all’interno di una cabina telefonica (quanto alle cabine telefoniche al cinema: avete visto "Glengarry Glen Ross"?). La terza scena riguarda un incontro tra Reggie Lampert e Hamilton Bartholomew (Walter Matthau), lui mentre parla divora panini con pollo. Altro momento epico è quello proprio nella parte iniziale quando Reggie Lampert dopo una vacanza torna a Parigi nella sua casa principesca, una lussuosa dimora dai soffitti alti, e la trova completamente spoglia. Brividi. Fa una certa impressione tutto quel vuoto. “Sciarada” è un film magnifico che non può assolutamente mancare nella vostra cineteca. Cinema puro. Emozioni a non finire. 

©micolgraziano 

Commenti