"I Goonies": hai mai desiderato una mappa del tesoro?

 

Una scena del film "I Goonies" (1985)


Nei giorni scorsi, cari lettori, vi ho parlato di titoli che sono ora in sala ("Lacci", "Miss Marx", "Le sorelle Macaluso", "Padrenostro", "Il giorno sbagliato", "Mister Link"), oggi, invece, voglio fare un salto indietro e portarvi nei mitici anni '80, con un film che ha segnato un'epoca: "I Goonies". Dietro questa strepitosa pellicola ci sono nomi di lusso. Uno su tutti: Steven Spielberg, autore del soggetto e produttore. Poi: Richard Donner, regista di "Arma letale", e anche qui dietro la macchina da presa. La sceneggiatura, infine, è opera di Chris Columbus, che ha diretto "Mamma, ho perso l'aereo" - altro super cult da tenere nella cineteca per spazzar via la tristezza. "I Goonies" uscì nel 1985 e Spielberg all'epoca veniva da un'altra produzione di enorme successo: "Gremlins", diventato anch'esso un cult. Sempre scritto da Columbus. Con la regia di Joe Dante. 

Ma cosa rende "I Goonies" così memorabile? Perché questa storia continua ad emozionare spettatori di ogni età? Perché la narrazione di un tesoro nascosto da trovare, attraverso un'antica mappa sgualcita, ha una potenza esplosiva. Pensiamo a quel classico della letteratura che è "L'isola del tesoro". O al mito, tramandato nel tempo, di città amène, ricche di diamanti, luoghi leggendari che spinsero viaggiatori ad esplorare terre impervie. E poi, chi non ha mai sognato di trovare in soffitta, tra polvere e ragnatele, una cartina che conduce a un'immensa fortuna come capita ai Goonies? Bambini coraggiosi, i Goonies, che si lanciano in una pericolosa avventura per aiutare i genitori a non perdere la casa.  

PS: Guardatevi anche "Gremlins" e "Il mistero della casa del tempo", un horror per ragazzi, tratto dal romanzo di John Bellairs. 

©micolgraziano
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DEL BLOG! 👇
(Dopo l'iscrizione, per ricevere gli aggiornamenti, clicca sul link che riceverai per email)

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Commenti