Dal regista di "Notting Hill": "Il buongiorno del mattino"! 📺

 

Rachel McAdams, Harrison Ford e Diane Keaton in una scena de "Il buongiorno del mattino"


"Il buongiorno del mattino" (2010) è una graziosa commedia (con un tocco di romanticismo) interpretata da Diane Keaton, Harrison Ford, Rachel McAdams, in ottima sintonia (Keaton e McAdams avevano già lavorato insieme ne "La neve nel cuore"). In un piccolo ruolo troviamo Jeff Goldblum ("Jurassic Park"). La regia è opera del britannico Roger Michell, noto per aver diretto "Notting Hill". È un film che trasmette serenità e ve lo consiglio. Dunque, enjoy

Becky (una frizzante Rachel McAdams), giovane in gamba, un po' naïf, con una lunga frangetta e una vita triste (così le dicono quelli che vogliono affossarla)Ebbene, Becky lavora come produttrice televisiva. Un giorno viene cacciata perché non ha abbastanza santi in paradiso. Le crolla il mondo addosso ma si rialza in poco tempo grazie a un'emittente pronta a scommettere su di lei. L'incarico però non è un gioco da ragazzi e prima di lei hanno gettato la spugna decine di persone. Sì, perché Becky viene assunta per cambiare le sorti di un programma mattutino (da qui il titolo del film) che registra ascolti striminziti. La strada è, potete immaginare, tutta in salita. Innanzitutto perché, lei ingenua e inesperta, deve vedersela con un conduttore navigato, scorbutico e narcisista: Mike Pomeroy (uno strepitoso Harrison Ford). Pomeroy, che molti chiamano il Dio della diretta, è un tipo bizzarro. Becky lo scrittura con entusiasmo. Mike, invece, un tempo gloria del giornalismo, detesta i contenuti frivoli dello show.

Becky, dunque, dovrà lavorare notte e giorno per far sì che primo: Pomeroy si appassioni al programma, secondo: vada d'accordo con la collega co-conduttrice Colleen Peck (una fortissima Diane Keaton, al solito esilarante). I due si azzuffano in continuazione e litigano persino su chi debba pronunciare la parola arrivederci alla fine della trasmissione...

Perché vedere il film? Perché è brillante. Ambientato in una New York frenetica, dove i taxi non si fermano mai, i marciapiedi sono sempre affollati, dagli appartamenti si ammira un panorama mozzafiato e gli uffici della redazione (con le maniglie delle porte traballanti e fogli sparsi ovunque e disordine creativo) regalano una voglia matta di scrivere. I battibecchi tra i personaggi di Keaton e Ford sono la ciliegina sulla torta. 

PS. Se amate la tv, amerete anche "Il buongiorno del mattino". Vi mostrerà, infatti, tutto quello che accade dietro le quinte di uno show. 

©micolgraziano


Commenti